“Il ricordo di un pittore” (acrilico su tela 50×70)

 

Questa la didascalia in versi del quadro:

Ti disegnerò scenari da sogno,

Perché sono un cantastorie,

Onoro quella vita che tante volte

Gli uomini mi tolsero.

Perché mai dovrei vedere un cuore

Per disegnarne uno?

Il bello è che più passano gli anni

E meno mi sento stanco.

Mattoni che diventano nuvole e

Disco, disco, disco, disco, disco.

Vene senza via d’uscita,

Vene in strada chiusa.

Mentre tutt’attorno si discettava

Di denaro,

Sentivo  l’unica cosa che potevo fare

In stanza di anima e morte fresca.

Ricordare questo momento

Dove il teatro ai vivi è restituito

In tutta la sua potenza.

Chissà quale sua particella avrà ascoltato

Quei discorsi ed è bene che sappia che

Forse è una cosa che faccio per lui,

Forse è una cosa che faccio per me.

=================================

Souvenir d’un peintre  (acrylique sur toile 50 x 70)

Je te dessinerai des scenarii de rêves,
Car je suis un chansonnier,
J’honore cette vie que tant de fois
Les hommes m’ont pris.
Pourquoi devrais-je voir un coeur
Pour en dessiner un ?
Plus passent les années
Et moins je me sens fatigué.
Des briques qui deviennent nuage et
disque, disque, disque, disque, disque.
Veine sans voie de sortie,
Veine dans une route fermée.
Alors que tout autour on  discertait
de pognon,
Je sentais l’unique chose que je pouvais faire
dans une chambre ou il y avait une âme et une mort fraîches.
Se souvenir de ce moment
Où le théâtre est rendu aux vivants
Dans toute sa puissance.
Qui sait laquelle de sa particule aura entendu
Ces discours et il est bien qu’il sache que
Peut-être est-ce une chose que je fais pour lui,
Peut-être est-ce une chose que je fais pour moi.

=================================
“El recuerdo de un pintor” (acrílico sobre tela 50×70)

Te dibujará escenarios de sueño,
Porque soy un cantastorie,
Honro aquella vida que muchas veces
Los hombres me sacaron.
¿Por qué nunca debería ver un corazón
Para dibujar a uno de ello?
Lo bonito es que más pasan los años
ES menos me siento cansado.
Enladrillas que se convierten en nubes y
Disco, disco, disco, disco, disco.
Venas sin escape,
Venas por la calle dique.
Mientras todo alrededor él discettava
De dinero,
Sintió la única cosa que pudiera hacer
En habitación de alma y muerte fresca.
Recordar este momento
Dónde el teatro a los vivos es devuelto
En toda su potencia.
Tal vez cuál su partícula habrá escuchado
Aquellos discursos y es bien que sepa que
Quizás sea una cosa que hago por él,
Quizás sea una cosa que hago por mí.

=================================

Ti chiedi perche’ disegnare un cuore mentre gia’ lo dipingi :un cuore grande che accolga le tue angosce e distrugga i graghi! Vedo le vene , nel tuo simbolismo pittorico non sono chiuse ma grondano sangue in una emorragìa di veleno che vuol defluire ,chè se restassero chiuse, si volgerebbero in morte! Un cuore colorato e cosi’ traboccante d’amore devi averlo pur visto o intuito da qualche parte, non potresti altrimenti renderlo cosi netto e preciso sulla tela. “Il ricordo di un pittore” e’ molto piu complesso di quel che sembra ad un primo superficiale sguardo. E’ il ricordo di una persona che non c’e’ piu’ – non solo il parente scomparso o forse si identifica con lui – una persona il cui cuore ti aveva accolto e compreso, che ti manca piu di quanto tu pensi razionalmente e che non e’ piu’ tra i vivi. E’ questa mancanza, che molto spesso nelle tue opere ricorre, la mancanza di questo cuore cosi’ a te affine che rende quest’ultima tua opera cosi’ importante come se il pennello volasse dal cuore al cuore della tela senza neppur passare dalla ragione. C.G.

E questi i commenti degli internauti su questo quadro raccolti da Facebook:
Adriana Scanferla La grazia e la delicatezza nel colore..ma anche la poesia è molto bella e significativa
Angela Ragusa grazie Michele….unico il tuo stile….ed inconfondibile….
Antonio de Curtis ‎…avevo un cuore e lo persi … poi lo ritrovai nel mio petto!
Antonella PalermoMolto intensi e significativi questi tuoi versi: un vero e proprio spaccato del tuo mondo interiore… a quanto intuisco sofferto ma tuttavia generoso nel donare le proprie emozioni e non solo dal punto di vista pittorico! Neanche io ho mai visto un cuore… ma, così come te, dipingo ogni giorno il mio di cuore con il pennello di interiori emozioni spesso sofferte ma anche proiettate nel sogno, che esterno anche e soprattutto nell’intento di curare le sue tante e laceranti ferite! Un abbraccio
Antonio Sambataro grazie come sempre Michè.. mi piacciono molto i versi (sono tuoi, vero?…) e, ovviamente, il tuo modo di raccontare con la tua pittura… :-))
Calogero Catania Mi sento immerso in limpide acque ove … m’è dolce naufragar … tra meduse e amebe d’ogni colore e tipo. Limpida è l’acqua e limpidi i pensieri che ispirano limpidi desideri.

Bruno Espositocomposizione..e frazionamento d’interiora..metastasi benigne in campo azzurro..

Brenda Summer Chissà quale sua particella avrà ascoltato…Forse è una cosa che fai per te…complimenti! sento profumo di primavera 🙂

Chiara Maria Crivellariil quadro mi ricorda il corallo , che amo, la lirica è un inno ad una colorata vita .

Carol Artego complimenti sia per il tuo stile caratteristico e sempre nuovo sia per la tua poesia.. !!

Cristina Bellanti

‎……E’ che ho vissuto tanto,
e che altrettanto voglio vivere
Mai mi son sentito sì sonoro,
mai ho avuto tanti baci
Ora, come sempre, è presto,
… la luce vola con le sue api.
Lasciatemi solo col giorno,
chiedo il permesso di nascere….:-)
Drisana Rose a delicate art work with beautiful colors! thanks for sharing!
Vincenzo Conciatori Simbolico ….. e ottimistico nei colori.
Gilda Massari infatti questo tuo cuore pulsa di tutti gli istanti rubati a quella messa in scena in cui palpita vita pura…grazie di ♥ Michele…
Katia Marie Wellington Dipinto e Poesia – Li divido…..emozioni differenti. Il dipinto mi ricorda disegni marini, coralli, un fiore, magari un fior di loto, e magari nuvole…lascio giudicare la mia fantasia. La Poesia e’ una mia rivincita – mi piace anche se la mia natura e’ triste. Grazie, Artista con la A maiuscola….

Restivo CalogeroGrazie per farmi parte,facendomeloi conoscere, degli splendidi risultati del suo lavoro,.Per me, che non sono pittore ,hanno un fascino particolare in quanto credo di capirne il significato ed il messaggio.

Lucia Di MarcoAdoro l’arte; la pittura e la poesia mi sublimano!!! Grazie Michele; meravigliosa!!!
Loretta Fois L’immagine ha la stessa bellezza del pensiero..grazie Michele!
Marina Rosanero Molto interessante quest’uso differenziato di colori !La tua capacità di giocare sui contrasti o su altre varie opportunità è sorprendente! Bravo! Grazie!
Marina Bonfiglio Grazie Michele è meraviglioso guardare e leggere … sei speciale!!!
Marina Arianna Lo dicevo io ke eri un personaggio fiabesco….smack
Medea Mirzashvili Grazie mille Michele. Tu sei un artista di grande talento. Si abbellire il mondo con la tua arte

Nunzia ZambardiMichele…non sei solo un bravo pittore,ma anche un poeta….mi piacciono i mattoni che diventano nuvole…..mi piacciono i cantastorie con i loro fantastici racconti….come una bambina entro nei tuoi quadri e volo…..grazie!!!!!Complimenti….

Paf Pittrice Il drago continua il suo viaggio, si ferma racconta e riparte! 🙂 Mi piace Michele….
Roberta Stelvicommento sulla bacheca diIl ricordo di un pittore “Favoloso”, grazie Michele.
Roberto Lo Presti Un epilogo triste e in buona misura frammentario…, vi è un ampio inventario di oggetti brillanti ed un pò meno da metter ancora in ordine in un sito senza confini e tuttavia pieno di luce e d’amor…:tal’è la speranza,il sogno del pittor…! Cuori infranti ,scomposti in agglomerati cuciti e ricuciti con lacrime e singhiozzi chiedon ancor oltre l’orizzonte, più decisi contorni ed abbozzi. Cala la sera ricca di più sereni pensieri e tu sei più bello di ieri. Roberto da Messina-
Rik Forsenna sia buon nel tutto Michele 🙂
Annastella Berté L’autore ormai mi è noto ,lo riconosco dal tratto espressivo….infatti avevo ragione.
Lo scritto anche….comincio a pensare che è a questo che ti devi dedicare….ti è innatamente congeniale.
Svetlana Mazur Hai disegnato scenari da graghi, Perche sei cantastorie o sei cantagraghi ? Onori quella vita che tante volte i Graghi ti tolsero. Perche mai dovresti vedere un cuore di Graghi per disegnare uno ? Il bello è più passano gli anni E meno ti senti … insoddisfatto … nuotando nel labirinto della vita
Salvina Alba Non c’è che dire, è proprio uno scenario da sogno!…
Yantje Maruanaya The colours, the shapes, the composition – they are fantastic!
Melba Azucena Quevedo Poche parole per definire il tuo dipinto…. MAGNIFICO! Grazie

Guglielmo DonzellaParticolarmente meravigliosa la tua creatività complimenti

Kat Vian toccante la poesia…emozionate il quadro…..favoloso…davvero
Antonella Brindisi Stanza d’ anima in un azzurro cielo… grazie.
Oddo Domenica L’arte è poesia visiva e sonora del proprio universo interiore in cui l’artista si addentra scoprendovi la magia di una realtà alta in cui i desideri del proprio sogno prendono forma nella sensibilità delle proprie emozioni che solo l’artista riesce ad esprimere in tutta la propria bellezza ed originalità. Bravo Michele!!! Grazie ♥
———–
michele sabatino Quando ho affrontanto questo tema mi sono posto l’interrogativo di rendere molto chiara la distinzione tra quelle che sono le particelle filamentose che compongono il fluire pittorico e un cuore che avrebbe dovuto essere la materia biologica e catalizzatrice sulla cui sacca-placenta albergano miriadi di sensazioni contrastanti. La mano sinistra è la mano del cuore e Cristian Barnard per primo lo operò apertamente ma i ricordi si spingono a quella “ballerina del carillon” mai più incontrata che mi insegno ad ascoltarlo con i suoi pum-pum-pum e a non avere paura di esso. Diceva Sartre che un artista per potere essere tale nella sua ispirazione deve essere derubato e la mancanza è giustamente il filo conduttore della mia esplorazione pittorica dove a turno si susseguono gli elementi ricorrenti.
Michele Sabatino
Copyright © 2012
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Annunci

Michele Sabatino: la pura arte dei segni

Studiare e descrivere il percorso pittorico di Michele Sabatino è un’impresa che richiede un impegno mentale arduo che va al di la delle semplicistiche sensazioni da osservatore.

Sabatino è anzitutto un artista con un talento innato,dono della natura ,che vola dalla sua mente al pennello oltrepassando le barriere del piacere e del piacersi.

Ogni sua opera prende vita dalla precedente in un racconto infinito di una vita convissuta con draghi e fantasmi, d’ogni genere e caso,  nascosti al mondo esterno; alla sua stessa vita l’artista rende onore trasfigurandola sulla tela.

Ogni sua opera va letta singolaremente e occorre del tempo per coglierne ogni dettaglio, ma vale la pena di soffermarsi perche’ ciascun dettaglio pittorico,ciascun segno, offre all’osservatore un significato e una simbologia netta e precisa:Sabatino rende l’osservatore/fruitore partecipe dei suoi segni:spesso fallici,a volte aperti altre contorti,altre volte ancora e piu’ fanciulleschi.

Nessuna delle sue opere puo’ prescidere dalla precedente o dalla successiva in un racconto,spesso apparentemente incoerente,di un’arte che vuol essere nello stesso momento catartica per l’autore e di denuncia,di accusa, verso il mondo che lo costringe ad una vita dietro virtuali ma ben salde sbarre-vedi la sua opera artisticamente piu’ alta:Fence:acrilico su tela-.

I colori accesi dei suoi quadri colpiscono l’osservatore confondendolo e allontanadolo,forse volutamente,dal nucleo dell’essenza dell’opera stessa come se l’artista si sentisse in imbarazzo nell’aver messo a nudo le proprie sensazioni in una sorta di pudore personale che stenta a rimanere celato.

Forse proprio per questo motivo le sue opere piu’ riuscite e di alto livello artistico sono le poche che Sabatino ha proposto in bianco e nero, mettendo l’osservatore di fronte all’impatto crudo e stimolante del suo messaggio.

Tutte le altre opere ,quelle più accese dai colori, seppure travagliate in ogni segno svelano il suo desiderio di un anelito passionale e acceso e la presenza di una ferrea volonta’ di riuscire ,attraverso ogni tela, a ribaltare il mondo sublimandolo ,proponendolo all’osservatore con gli occhi di un artista amante dell’arte piu’ pura.

Nelle sue opere,se si prova a leggerle in ordine cronologico, aleggia inoltre la presenza di qualcuno-un padre,una madre ,una donna, questo Sabatino non lo svela-che lo ha molto amato e intimamente compreso e che non c’e’ piu’ e di questa presenza mancante,nei suoi ultimi dipinti,l’opera si accende e soffre incatenando lo sguardo dell’osservatore con un pathos che solo un artista al pari dei grandi del passato riesce a fare.

In conclusione Sabatino giunge a trasmetterci contenuti di alto valore morale e artistico porgendoli all’osservatore con apparente semplicita’ ,poste sul vassoio delle sue tele proponendosi volutamente senza imposizioni ma con grande talento e determinazione.

(nella foto “Fence” acrilico su tela 50×70)

 

“Graghi III” (acrilico su tela 60×20)

                                                                         Collezione privata

Immagini antiche dai colori caldi ritrovate come i graffiti sulle pareti della coscienza rappresentano le tracce di percorsi irreali ed invisibili trasformatesi in segni pittorici.

°°°°°°°

Images anciennes retrouvées par les couleurs chaudes comme les graffiti sur les murs de la conscience représentent les traces de parcours irréels et invisibles que se transformées en signes picturaux.

°°°°°°°

Imágenes antiguas de los colores calientes hallados como los grafitos sobre las paredes de la conciencia representan las huellas de recorridos irreales e invisibles transformados él en señales pictóricas.

*************************

Queste sono le riflessioni del critico d’arte Claudio Giordano: “opera curata e accurata in ogni dettaglio trasmette all’osservatore angoscia e phatos lasciandone attonita la compresione.Un universo di draghi mitologici che abitano nello stomaco dell’artista facendo muovere il suo pennello, dettandone i contotorni e i particolari; ma dall’inconcio spunta un fuoritema:un sole con la dentatura esposta in un sorriso come una creatura che lo abbia molto amato e combattuto i draghi.Ottimo lavoro. C.G.”

Commenti degli internauti su questo quadro raccolti da Facebook:

Antonella Palermo Sinceri complimenti per la tua arte e grazie di ♥ per la condivisione! Serena giornata. Un saluto dalla Siicilia.

Antonio Sambataro grazie come sempre Michele!!! è sempre un piacere immergersi nel tuo universo cromatico

Antonio de Curtis ‎… paure ? … nel tuo lungo percorso ? … però domina al centro il sole che ride …
(…forse …)
Un grazie ed un saluto !

Djyne Lama damage is small

Carlos Charcape REALLY GOOD!!!

Juergen RothThis is beautiful Yantje!

Yantje Maruanaya Michele, thanks for the great work. I love it. Juergen, I agree with you 100%.

Guglielmo Donzella Fantastica particolare complimenti

Táňa Rezková Very original paint, excellent work-congratulations Michele Sabatino!!!♥

Antonio PirozziMichele hai un grande talento!

Antonio Sbrizzi Grazie per il tag…..Un gioco cromatico straordinario
Bruno Esposito godi di piena libertà d’espressione..SIMBOLART..SEI FORTE
Carol Artego bello , stile inconfondibile…
Catello SolimeneSONO ORGOGLIOSO DI CONOSCERE UN ARTISTA COME TE SEI GRANDE

Costanza Bolignaricolori spettacolari, come sempre……….grande!!!
Cristina Bellanti ‎…come creare un ponte tra il visibile e l’invisibile….per scoprire ciò che c’è di più reale…..
Claudine CunibertJ’adoooorrrrreeeee…les couleurs sont superbes…très bon choix…magnifique…félicitations Michele….bizzz

Evgeniya Surikova Un quadro molto misterioso, Michele … Molto attivo, cifrato, ma c’è un desiderio di vivere e sopravvivere … La lotta per la vita, forse …
Gabriele Prignano Colori vivaci e fantasiose forme che raccontano una lunga storia. Dipinto molto bello e interessante. Grazie, Michele!
Gilda Massari talento esplosivo che ha saputo coniugare il sapore dell’esperienza preistorica con il dinamismo e la fluidità dell’arte contemporanea…grande impatto…grazie di ♥ Michele…
Katia Mangano Wellington Intriguing…..
Luigi Muccitelli Caro Sabatino, la tua pittura indubbiamente si presta a gusto e interpretazione personale, anche se di difficile decifrazione di messaggio come lo sono, appunto, tutti i primordiali graffiti dall’epoca fenicia agli ancora esistenti aborigen…i di tutto il mondo. Dal punto di vista decorativo tu come architetto sai dove e come collocare i pannelli. Per me ogni opera artistica deve esprimere unicità creatività geniale, colori e luci che avvincono l’anima senza bisogno di parole…Tanti auguri e cordiali saluti, Luigi…Elisabetta Marenghi Difficile da interpretare, sono d’accordo con Luigi, ma affascinante da guardare ed interpretare ognuno a modo suo, penso…secondo la propria realta’ e sensibilita’…
Mariapia Brunelleso Quando l’arte è poesia di suggestioni….
Marina Rosanero i tuoi dipinti hanno la capacità di risvegliare ricordi …a me è venuto in mente,prima ippocrate che riteneva che le malattie avessero forma di animale (il granchio era un’ulcera)…e poi questa favolaIL GRANCHIO E LA VOLPE di Esopo
Quel giorno un paffuto granchio arancione, era proprio di ottimo umore. Se ne andava passeggiando allegramente per la spiaggia riscaldata dal sole, canticchiando la sua canzoncina preferita, una vecchia serenata imparata chissà dove. Egli si vantava spesso con gli altri abitanti del mare, della sua capacità di poter vivere tranquillamente sia dentro che fuori dall’acqua. E quelli, senza nascondere un pizzico d’invidia, lo osservavano camminare tranquillamente sulla terraferma. Ogni volta però, il buon granchio riportava ai suoi amici pesci un grazioso ricordino delle sue escursioni. Ma quel mattino egli non ne voleva proprio sapere di rientrare in acqua. Il cielo era tanto limpido e sereno da attirare l’ammirazione anche dei più indifferenti. Per questo il granchietto continuò la sua lunga passeggiata.
Nello stesso giorno, una giovane volpe insoddisfatta per la scarsità del suo pranzo quotidiano, si aggirava affamata per la spiaggia in cerca di qualcosa da mettere sotto i denti. Camminava molto arrabbiata con se stessa per l’incapacità dimostrata a procurarsi del cibo quando vide, quasi per caso, l’ignaro granchio fermo sulla sabbia a contemplare il paesaggio.
La volpe gli si avvicinò curiosa e con un balzo gli piombò proprio davanti. Il povero granchio si prese uno di quegli spaventi memorabili che rimangono bene impressi nei nostri ricordi per tuffa la vita e, cercando di indietreggiare si riparò con le zampine.
La volpe era decisa e pronta a mangiarselo in un sol boccone pur non sapendo bene di che animale si trattasse. Fortunatamente il granchio, riavutosi dalla paura, riuscì a respingere il suo nemico sfoderandogli le sue terribili tenaglie e pungendogli il muso. Dopo la fuga della volpe sconfitta, il granchio si tuffò in acqua e andò a raccontare la sua brutta avventura agli amici spiegando quanto fosse più sicuro vivere nel mare.
Le persone che affrontano situazione nuove senza averne l’esatta conoscenza finiscono sempre nei guai…volevo aggiungere che è un dipinto fantastico! Grazie Michele !
MariaTeresa Dionisio mi riconduce al mare
Medea Mirzashvili Grazie mille Michele. Si percieve l’anima ad un livello elevato. La tua arte può essere una medicina per l’anima.
Paf Pittrice i graffiti sulle pareti della nostra coscienza! E’ profondo ciò che scrivi e dipingi, e soltanto una grandezza d’animo come il tuo può leggere.

Nunzia Zambardi ‎….hanno il profumo di tempi lontani racchiusi nella nostra coscienza…invisibili presenze che,attraverso il colore,affiorano alla realtà……molto belli….ciao Michele.
Paola Maria Leonardi inincantevole ….grazie di cuore ….un abbraccio ♥
Restivo CalogeroBellissimo quadro e tanti complimenti ed auguri di raggiungimento di sempre maggiori vette. Grazie per l’attenzione.

Pina Franzese grazie Michele è molto significativo!!! con l’augurio ke i nostri percorsi ideali possano un giorno realizzarsi… *-*
Roberto Lo Presti I draghi sono stati sempre lo spauracchio dei bimbi…!Tuttavia son segno di forza e di lotta da vincere in ogni modo.Quanti draghi e dragoni son presenti nella nostra difficile strada pietrosa…!- Nell’immaginario ci troviamo accanto e sicuramente siamo feroci come essi…,così ben riportati in seguenze colorate e in dinamiche branchiali complesse, le bocche immense aperte mostrano grossi canini…-Nel subconscio lottiamo con i pensieri legati ai gangli e terminazioni nervose che per certi versi son lo specchio ed assecondano i segni dell’ opera.
Svetlana Mazur complimenti 🙂 anche se questi graghi non appartengono alle immagini sulle pareti della mia coscienza, complimenti per il lavoro. Mi porta un senso di pesantezza malgrado che i colori scelti dovrebberò alleggerire l’impatto con i dragoncelli a denti scoperti pronti a dare un morso mortale.
Teresa LoguercioORIGINALE E BELLISSIMA L’IDEA… EVOLUZIONE VIVACE ED INTIMA ESPRESSA NEI COLORI…. è SEMPRE UN GRANDE PIACERE ESSERNE RESA PARTECIPE……COMPLIMENTIMICHELE… I TUOI PENNELLI HANNO UN’ANIMA INDEFINITA E RICCA CHE SI ESPRIME IN ARMONIA….. :0))

Ute Margaret Saine Molto poetico il dipinto, mi piace l’idea dei graffiti sulle pareti della coscienza e della citta’. E’ la parete di Platone? ;=} Grazie Michele, un abbraccio.
Silvia Panico Michele sei un grande artista, grazie!!!
Nikita Fujikobeth Gray Haring J’aime tes regards pour l’Art… Certaine-Ment ^_^… ! Michele Sabatino…Merci
” (Ma chambre n’est pas un bordel, je suis un Artiste”… c’est génial ! )

Philippe Weiss merveilleux toutes ces couleurs…
Francisco Dominguez Gracias Michele, por compartir conmigo esta estupenda pintura de vos. Me atrae de sobremanera la interpretacion simbolica que se le atribuye a la manifestacion pictorica. No se pudo haber escogido mejor comparacion analogica, como la de lo…s grafitos sobre las paredes de la conciencia, que representan de alguna manera las huellas de recorridos irreales e invisibles. Me gusta por ello el elemento conceptual muy intelectual usado, para esta expresion pictorica
Ai Da Beautifull! Is it say a special story? I feel there is a fable behind it…
Grethe Poudyal ††††††††††††††††††††††††††††††††(¯`v´¯) H B D
`·.¸.·´
☻/
/▌
//
..
Michele Sabatino
Copyright © 2012
TUTTI I DIRITTI RISERVATI