“L’incastro” (acrilico su tela 50×70)

…………………………………………………………………………………………………………………

J’ai tâché de mettre en relation ce qui peut signifier être irrémédiablement contraint par quelque chose de pas immédiatement perceptible dans un contexte hautement de tension entre monde, hommes et entités abstraites. Je me suis servi de la technique de l’acrylique au jet de couches avec le pinceau selon un parcours concentrique pour ce qui concerne le fond et qu’il suit les trajectoires des formes pour les illustrations.

…………………

Ich habe versucht zu verbinden, was hoch niedrig kann, um nicht unheilbar durch etwas wahrnehmbar in einem Kontext der Spannung unter Welten, Männern und abstrakter Rechtspersönlichkeit sofort gezwungen zu werden.Ich habe etwas Technik des acrylic eins zu Werfen von Schichten mit der Bürste nach einem konzentrischen Durchlauf dafür gebraucht, welche Angelegenheiten(Sorgen) ich ihn  breche, und dass es den Trajektorien der Formen für die Zahlen folgt.

……………..

Am incercat sa se conecteaza ce poate insemna foarte imediat sa fie obligat sa nu acoperi iremediabil de un nimic din perceivable intr-un context in tensiune intre lumi, barbati si entitate abstracta.I s-au folosit o tehnica de la acrilic unul sa arunce din straturi cu pensula in functie de un concentrice candida pentru ceea ce priveste i defalcarea el/ea si ca urmeaza ampla de formulare pentru cifre.

……………..

Ho cercato di mettere in relazione quello che può significare essere irrimediabilmente costretti da un qualche cosa di non immediatamente percepibile in un contesto altamente in tensione tra mondi,uomini ed entità astratte. Mi sono avvalso della tecnica  dell’acrilico a getto di strati con il pennello secondo un percorso concentrico per quello che riguarda lo sfondo e che segue le traiettorie delle forme per le figure.

……………..

I have tried to connect what can highly mean to immediately be forced not irremediably by anything of perceivable in a context of tension among worlds, men and abstract entity. I have used some technique of the acrylic one to throw of  layers with the brush according to a concentric run for what concerns I break down it and that it follows the trajectories of the forms for the figures.

………………

He tratado no enseguida de poner en relación lo que puede significar ser obligados irremediablemente de algo perceptible en un contexto sumamente de tensión entre mondi, uomini y entidades abstractas.Me he valido técnica del acrílico a chorro de capas con el pincel según un recorrido concéntrico por lo que concierne el fondo y que sigue los trayectos de las formas por las figuras.

———————————————————————————————————————————————-

Commenti degli internauti su questo quadro raccolti da Fb:

Giusy Bo l’arte in tutte le sue forma, poesia piu’ opera, mi piace molto, bravi!!

Medea Mirzashvili Lei ha un grande gusto per connettere l’arte con poesia. Grazie per dividere i suoi capolavori che ci danno godimento.

Rosi Savona ‎”Sottese inquietudini”,l’avventura dell’esistenza, il doversi sentire continuamente giudicati da un dio ignoto, i disastrosi cambiamenti della madre terra, il doversi sempre confrontare con l’altro da se, sono fra i tanti motivi delle nostre sottese inquietudini…ciao,rosi

Lina Scaffidi ‎”Catarsi” Dopo avere toccato il fondo, trovare la forza di riemergere e vivere liberati, purificati in un mondo migliore.

Ermelinda Ponticiello ‎”il mostro degli abissi” il mostro che emerge in ognuno di noi, dal più profondo della nostra anima, quando non ci rendiamo conto che siamo tutti uguali apparteniamo alla stessa razza umana e dobbiamo accogliere l’altro, il diverso e il più debole…..

Daniela Spadaro METAMORFOSI….dall’incontro dal dialogo e dal confronto possono originare cambiamenti inattesi….

Cristina Bellanti

‎”IL CANTO DEI SILENZI” tratto dalla mia nota…..
Quando raggiungerai la sognata felicità
ricordati che essa ha ucciso la mia speranza
….e allora…..
….Mi affiderò al canto dei silenzi,
…per sentire il vento soffiare sui fiori appena nati,
e non cercherò farfalle colorate da portare nel mio sonno,
nè ruberò carretti di sospiri accumulatisi nel tempo per non
trovarmi in luoghi senza forme.
….Mi affiderò al canto dei silenzi,
per sentire il volo di una rondine che torna al suo vecchio nido,
a cui tu hai spezzato le ali.
….Mi affiderò al canto dei silenzi
quando specchiandoti negli occhi della tua donna,
ti ricorderai di due occhi che hai spento alla luce dell’amore.
….Mi affiderò al canto dei silenzi,
per scrivere la favola di un amore consumato,
quando nei giorni trascorsi fioriva la campagna
e….il buio della notte era poesia….grazie Michele 🙂

Medea Mirzashvili Io sonoaffascinatoMichele,ma non sorpreso, perche lei nasce nel paese che ha dato Michelangelo e Dante. Lei e il genio moderno.

Michele Sabatino
Copyright © 2011
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Advertisements

1 Comment

  1. La congiunzione complessa e coniugata di temi, proposte vecchie e nuove, specchi e riflessi di ieri ed oggi ,acquistan spessore,profumo ed odor …- Tout ensemble pur nel nerume e puzzo dei pozzi all’aperto è sovente sconcerto…-Cuori piangenti,farfalle,piante senza frutti , fiori appassiti…bimbi appena nati capovolti in serie …fonte di vita e di amore nel terrore dei dì ancor da aprir al non lindo corazon rico de fuego ..! Colori a fasci e striati pongon ed impongon il collage natural y sovra, rational ed ambiguo , sereno e terribilmente violento…-Cerchiam la Pace e la mano fredda del fratello. La nostra abbraccierà la sua ed il suo corpo lacerato…,nell’incastro interminabile ..vedremo …la candida rosa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...