“L’incastro” (acrilico su tela 50×70)

…………………………………………………………………………………………………………………

J’ai tâché de mettre en relation ce qui peut signifier être irrémédiablement contraint par quelque chose de pas immédiatement perceptible dans un contexte hautement de tension entre monde, hommes et entités abstraites. Je me suis servi de la technique de l’acrylique au jet de couches avec le pinceau selon un parcours concentrique pour ce qui concerne le fond et qu’il suit les trajectoires des formes pour les illustrations.

…………………

Ich habe versucht zu verbinden, was hoch niedrig kann, um nicht unheilbar durch etwas wahrnehmbar in einem Kontext der Spannung unter Welten, Männern und abstrakter Rechtspersönlichkeit sofort gezwungen zu werden.Ich habe etwas Technik des acrylic eins zu Werfen von Schichten mit der Bürste nach einem konzentrischen Durchlauf dafür gebraucht, welche Angelegenheiten(Sorgen) ich ihn  breche, und dass es den Trajektorien der Formen für die Zahlen folgt.

……………..

Am incercat sa se conecteaza ce poate insemna foarte imediat sa fie obligat sa nu acoperi iremediabil de un nimic din perceivable intr-un context in tensiune intre lumi, barbati si entitate abstracta.I s-au folosit o tehnica de la acrilic unul sa arunce din straturi cu pensula in functie de un concentrice candida pentru ceea ce priveste i defalcarea el/ea si ca urmeaza ampla de formulare pentru cifre.

……………..

Ho cercato di mettere in relazione quello che può significare essere irrimediabilmente costretti da un qualche cosa di non immediatamente percepibile in un contesto altamente in tensione tra mondi,uomini ed entità astratte. Mi sono avvalso della tecnica  dell’acrilico a getto di strati con il pennello secondo un percorso concentrico per quello che riguarda lo sfondo e che segue le traiettorie delle forme per le figure.

……………..

I have tried to connect what can highly mean to immediately be forced not irremediably by anything of perceivable in a context of tension among worlds, men and abstract entity. I have used some technique of the acrylic one to throw of  layers with the brush according to a concentric run for what concerns I break down it and that it follows the trajectories of the forms for the figures.

………………

He tratado no enseguida de poner en relación lo que puede significar ser obligados irremediablemente de algo perceptible en un contexto sumamente de tensión entre mondi, uomini y entidades abstractas.Me he valido técnica del acrílico a chorro de capas con el pincel según un recorrido concéntrico por lo que concierne el fondo y que sigue los trayectos de las formas por las figuras.

———————————————————————————————————————————————-

Commenti degli internauti su questo quadro raccolti da Fb:

Giusy Bo l’arte in tutte le sue forma, poesia piu’ opera, mi piace molto, bravi!!

Medea Mirzashvili Lei ha un grande gusto per connettere l’arte con poesia. Grazie per dividere i suoi capolavori che ci danno godimento.

Rosi Savona ‎”Sottese inquietudini”,l’avventura dell’esistenza, il doversi sentire continuamente giudicati da un dio ignoto, i disastrosi cambiamenti della madre terra, il doversi sempre confrontare con l’altro da se, sono fra i tanti motivi delle nostre sottese inquietudini…ciao,rosi

Lina Scaffidi ‎”Catarsi” Dopo avere toccato il fondo, trovare la forza di riemergere e vivere liberati, purificati in un mondo migliore.

Ermelinda Ponticiello ‎”il mostro degli abissi” il mostro che emerge in ognuno di noi, dal più profondo della nostra anima, quando non ci rendiamo conto che siamo tutti uguali apparteniamo alla stessa razza umana e dobbiamo accogliere l’altro, il diverso e il più debole…..

Daniela Spadaro METAMORFOSI….dall’incontro dal dialogo e dal confronto possono originare cambiamenti inattesi….

Cristina Bellanti

‎”IL CANTO DEI SILENZI” tratto dalla mia nota…..
Quando raggiungerai la sognata felicità
ricordati che essa ha ucciso la mia speranza
….e allora…..
….Mi affiderò al canto dei silenzi,
…per sentire il vento soffiare sui fiori appena nati,
e non cercherò farfalle colorate da portare nel mio sonno,
nè ruberò carretti di sospiri accumulatisi nel tempo per non
trovarmi in luoghi senza forme.
….Mi affiderò al canto dei silenzi,
per sentire il volo di una rondine che torna al suo vecchio nido,
a cui tu hai spezzato le ali.
….Mi affiderò al canto dei silenzi
quando specchiandoti negli occhi della tua donna,
ti ricorderai di due occhi che hai spento alla luce dell’amore.
….Mi affiderò al canto dei silenzi,
per scrivere la favola di un amore consumato,
quando nei giorni trascorsi fioriva la campagna
e….il buio della notte era poesia….grazie Michele 🙂

Medea Mirzashvili Io sonoaffascinatoMichele,ma non sorpreso, perche lei nasce nel paese che ha dato Michelangelo e Dante. Lei e il genio moderno.

Michele Sabatino
Copyright © 2011
TUTTI I DIRITTI RISERVATI

“Fence” – (acrilico su tela 50×70)

“Fence” è il tentativo di trasporre su una tela e prima ancora su di una bozza,le vicissitudini dell’anima che è costretta a sobbarcarsi una serie di  problemi dovuti sia alla vita reale che a quella interiore.

I fantasmi del passato contano sia nella memoria che nei sentimenti come bagaglio o zavorra ma fanno parte di un percorso di vita che viene a poco a poco metabolizzato attraverso una serie di accorgimenti parziali prima di riuscire a trovare la strada maestra.

Ho usato la tecnica dell’acrilico con composti alla mica  e con una miscela di due soli colori per potere evidenziare dei ricordi lontani oramai nella memoria e nel cuore.

……………………………

‎”Fence” est la tentative de transposer sur une toile et ancre premier sur un bozza,le vicissitudes de l’âme qui est contrainte à subir une série de problèmes dûs soit à la vie réelle qui à l’intérieur.
Les fantômes du passé pèsent soit dans… la mémoire qui dans les sentiments comme bagage ou lest mais ils font partie d’un parcours de vie qu’il est métabolisé à travers une série de perspicacités partielles peu à peu avant de réussir à trouver la rue principale.
J’ai utilisé la technique de l’acrylique avec des mélanges à la miette et avec un mélange de deux couleurs seules pour pouvoir souligner des souvenirs lointains maintenant dans la mémoire et dans le coeur”

                                                      

‎”Fence” it is the attempt to transpose on a cloth, and before still on a draft, the vicissitudes of the soul that it is forced to suffer a series of due problems both to the real life that to that internal.
The ghosts of the past weigh both… in the memory and in the feelings as baggage or it ballasts but they make part of a run of life that comes little by little metabolized through a series of partial shrewdness before succeeding in finding the correct road.
I have used the technique of the acrylic one with composed to the crumb and with a mixture of two only colors to be able to underline by now some distant memoirs in the memory and in the heart”
……………………………
‎”Fence” es la tentativa de trasladar sobre una tela y primera ancla sobre de un bozza,le vicisitudes del alma que es obligada a padecer una serie de problemas debidos sea a la vida real que a aquel interior.
Las fantasmas del pasado pesan s…ea en la memoria que en los sentimientos como equipaje o lastre pero hacen parte de un recorrido de vida que viene poco a poco metabolizado por una serie de tretas parciales antes de lograr encontrar la calle justa.
He usado la técnica del acrílico con compuestos a la miga y con una mezcla de dos solos colores para poder ya evidenciar recuerdos lejanos en la memoria y en el corazón”
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..
Commenti degli internauti su quest’opera raccolti da Fb:
Alessandra Fossi il bianco e nero mi sorprende parecchio, ma fa si che ogni piccolo significato abbia la nostra attenzione. Allora rimanendo noi con l’occhio attento a questa profondità ne rimaniamo colpiti e attratti.
 

Elisabetta Manghi Artistacomplimenti Michele la tua opera incuriosisce l’osservatore.

Anna Maria Nemeh Anastasio colpisce molto questo quadro complimenti grazie
Restivo Calogero I miei complimenti anche se sono certo ha ricevuto ben altri riconoscimenti ed elogi per la sua opera.
Antonella Brindisi You’re a great painter of the soul
Nunzia Zambardi Povera anima….cosi’ imprigionata….io spero che ,con il tempo e la maturità ,riesca…. questa anima …ad abbattere quelle sbarre che le hanno impedito di vivere un percorso di vita fatto di libertà….il quadro è triste nei suoi colori ma certamente non nasconde il fascino del bianco e nero…..GRAZIE….
Giusy Bo Nessun presente…senza passato….bacio♥
Angela Dattilo Troppo intenso….
Silla Campanini BISOGNA IMPARARE A LIBRARSI E VOLARE NONOSTANTE TUTTO-PIANO PIANO SI METABOLIZZA IL DOLORE, ALLORA DIVENTA CRESCITA- GRAZIE MICHELE
Patrizia Falconetti Grazie Michele….molto suggestivo.
Antonio Sbrizzi Complimenti…sia per la composizione che per la tematica espressa…… Vai sempre alla grande Michè!
Simonetta Carioli si continua..alla ricerca della strada maestra……grazie
Marina Rosanero è irrilevante il colore …sei riuscito a catturare la nostra riflessione, sei riuscito ad emozionarci !in questo dipinto c’è l’inesplorato,si percepisce l’urlo intenso e prolungato di un’anima prigioniera !bella tecnica !grazie Michele
Carmela Francia Mi chiedo quali prove hai dovuto affrontare nella vita…..demoni,fantasmi e dolori,ma la grande forza di rinascita si percepisce ovunque…grande anima Michele grazie
Sandra Laura Santoro Sai, Michele, cosa mi è venuto in mente guardando il tuo bel quadro? Aiuto, voglio scendere! Buona giornata e W l’Italia.
Anna Carlomagno Se l’arte deve suscitare emozioni…di qualunque natura esse siano…bè allora Michele ancora una volta ci sei riuscito. Ma a me quelle sbarre fanno una gran tristezza e pure il B/N.
—————-
—————-
da Alessandro Cecchi poesia per “Fence”
Nella tarda di miele
Rintraccio la torta
Nera
…Ne aspiro la tinta
Per lo splendore
…Del piatto
Apparir tondo
Immillato di spacco
Nel sangue
ntensi
NOI SIAMO
E chi ci sblocca?
Abbian la puzza
Abbiam ribrezzo
Ma che BEL CALDO!
Siamo al si(‘)curo
Michele Sabatino
Copyright © 2011
TUTTI I DIRITTI RISERVATI