“Five of us” – acrilico su juta 50×25

631

Michele Sabatino
Copyright © 2014
TUTTI I DIRITTI RISERVATI

“Apolide” – acrilico su tela 80×60

apolide

 

Michele Sabatino
Copyright © 2014
TUTTI I DIRITTI RISERVATI

“La vita vince sempre” – (acrilico su tela 50×60)

Questo quadro è molto significativo per me come uomo e come pittore in quanto racconta del mio passato recente e  di come sono stato costretto a volte a ripetere come una sorta di mantra che la vita è al di sopra di tutto e di tutte le umane miserie e dunque di trasferire questa invocazione su tela anche in questo periodo difficile e mi riferisco in particolare ad una serie di ingiustizie perpetrate nei miei riguardi da una serie di persone di cui ovviamente non faccio nomi ma chi mi conosce bene sa di chi parlo. Questa gente senza vergogna ha seminato  imperterrita falsità,zizzania,manipolazione  sul mio conto ed appunto ingiustizia…ma come si dice a Napoli “’o Patatern è lungariell ma non scurdariell” e a  tutte queste persone posso dire con certezza che la vita va al di sopra di me e di voi e se sperate che le vostre subdole attività possano essere superiori ecco che allora vi dovete arrendere all’evidenza della vita che,appunto,vince sempre. Questo mio quadro celebra anche il mio ritorno al passato come reazione  di difesa e di salvezza. Ma senza dubbio mai come ora ho sentito l’urgenza di questa “reazione”, di questo ritorno, di questa anamnesi. Per finire mi corre l’obbligo di dedicare questo quadro a tutte quelle stupide comari di Windsor che si sono permesse di giudicarmi pur senza conoscere l’autore ed i fatti e mi hanno condannato come uomo,evidentemente nella loro modesta vita non ne hanno mai davvero conosciuto uno vero,purtroppo per loro.

————————————————–

Ce tableau est très significatif pour moi comme homme et comme peintre parce qu’il raconte de mon passé récent et de comment j’ai été contraint souvent à répéter comme un sorte le mantra que la vie est au-dessus de tout et de toutes les misères humaines et donc de transférer cette invocation sur la toile en cette période difficile et je me réfère en particulier à toutes une série d’injustice perpétrées envers moi de personnes dont évidemment je tairais le nommais qui me connait bien sait de qui je parle.
Cette personne sans vergogne a semé de la fausseté, de la zizanie, de la manipulation sur mon compte et donc de l’injustice… mais comme on dit à Naples “Dieu emploie beaucoup de temps mais il n’oublie pas” et à toutes ces personnes je peux dire avec certitude que la vie va au-delà de moi et de vous et si vous espérez que vos activités puissent être supérieures voilà alors que vous devrez vous rendre à l’évidence de la vie qui, justement, gagne toujours.
Mon tableau célèbre aussi mon retour au passé comme réaction de défense et de sauvetage.
Mais sans aucun doute, jamis comme maintenant, je n’ai senti l’urgence de cette “réaction”, de ce retour,de cette anamnèse. Pour finir, il me faut dédier ce tableau à toutes ces stupides commères de “Windsor”  qui se sont permises de me juger même sans l’uateur et les faits et qui m’ont condamnés comme homme, surement que dans leur modestie vie elles n’en n’ont jamais rencontré un vrai….

—————————————————————————

Este cuadro es muy significativo para me como hombre y como pintor en cuánto cuenta mi pasado reciente y de como he sido obligado a veces a repetir como un tipo de mantra que la vida es por encima de toda y de todas las humanas miserias y punto crucial de también trasladar esta invocación sobre tela a este período difícil y me refiero en particular a una serie de injusticias perpetrada obviamente en mis respetos de una serie de personas de que no revelo nombres pero quién me conoce bien sabe de quien hablo. Esta gente sin vergüenza tiene sembrado impertérrito falsità,zizzania,manipolazione sobre mi cuenta y precisamente injusticia

…pero se dice como a Nápoles a “el Dios nos pone tiempo pero no dimentical” y a todas este personas puedo decir con certeza que la vida va por encima de mí y de vosotros y si esperáis que vuestras solapadas actividades puedan ser he aquí superiores que os tenéis que entonces siempre rendirse a la evidencia de la vida che,appunto,vince. Este mi cuadro el mío también celebra vuelvo como al pasado reacción de defensa y salvación. Pero sin duda nunca como he oído ahora la urgencia de esta “reacción”, de esta vuelta, de este historial. Para acabarme corre la obligación de dedicar este cuadro a todas aquellos estúpidas comadres de Windsor que se han permitido de incluso juzgarme sin conocer el autor y los hechos y me han condenado uomo,evidentemente como en su modesta vida no tienen nunca de ello de veras conocido un vero,purtroppo por ellos.

—————————————————————

This painting is very meaningful for me as man and as painter in how much it tells of my recent past and of as I have been forced at times to repeat as a sort of mantra that life is above everything and of all the human poverties and therefore to also move this invocation on cloth to this difficult period and I report particularly me to a series of injustices perpetrated in my respects by a series of people of which I obviously don’t reveal names but who knows well me they knows of whom i speak.

This people without shame have sowed fearless falsehood, darnel, manipulation on my account and exactly ingiustizia. but as it is said in Naples “the Lord puts us time but he doesn’t forget” and to all these people I can say with certainty that life goes above me and of you and if you hope that your deceitful activities can be superior here that then you must surrender you to the evidence of the life that, note, wins always. This painting of mine also celebrates my return to the past as reaction of defense and salvation. But without doubt never as I have now felt the urgency of this “reaction”, of this return, of this anamnesis. To end races me the obligation to devote this picture to all those stupid housewives of Windsor that are allowed to also judge me without knowing the author and the facts and they have condemned me as man, evidently in their modest life they don’t have indeed never a truth of it known, unfortunately for them.

………………………                              …………………………                                      ……………………………

Commenti degli internauti su questo quadro raccolti da Fb:

 Galia Devedzhieva   Le parole di lei..sono molto forti e piene con verita, per…chi puoi capire!! Bravo e..GRAZIE!!!!
 Angela Ragusa  Michele io non so di cosa parli……….ma guardo il quadro ed è in perfetto stile “Sabatino”..forse solo più scuro ma questo forse ricalca il tuo stato d ‘animo al momento…Vedo una testa sopra un piedistallo come se tu volessi dare impo…rtanza a quella parte di noi che contiene la mente , ovvero l ‘essenza e l essenziale di ogni corpo….Una testa inserita in questo tuo solito mondo fatto di queste forme così baraccheggianti, questi riccioli come tante alghe marine che si lasciano attorcigliar dalle correnti stesse…Io non sono una critica d ‘arte, me ne guardo bene ,ma se devo commentarti devo leggere il tuo dipinto a modo io..poi magari mi dirai che non ho capito niente…Queste forme che si liberano sulla tela hanno un non so che di etereo, di semplice, direi primitivo…come un bisogno di ritrovare se stessi ma rifacendosi a movimenti sinuosi, come tracce lasciate, come orme che vogliono testimoniare un passaggio,quasi dei geroglifici in cui leggere la tua personalità…
Silvia Verkindere ACOMPAÑO CON ESTE CUADRO SIMBÓLICAMENTE A MI “AMIGA DEL ALMA”.ANA, LE MANDO INFINITOS ABRAZOS SANADORES Y COMO SE TITULA EL CUADRO “LA VIDA VENCE SIEMPRE”
Antonella Palermo Caro Michele, non posso ovviamente conoscere nei dettagli le tue vicissitudini, nè ancor meno le persone e le comari alle quali fai riferimento! Mi dispiace tuttavia sapere delle tue sofferenze e delle ingiustizie da te subite e ti auguro… di cuore che la verità ti renda presto giustizia!! Circa la tua opera la trovo molto interessante: mi colpiscono in particolare i colori usati! Ti auguro di cuore tanta serenità! 🙂 Buon proseguimento di serata e dolce notte.
Anna Valerigrazie caro Michele… “il tempo è galantuomo”… ; )
Antonella BotticelliGrazie Michele…pultroppo la vita ci circonda di individui che nn sono degni dell nosto rispetto ,sono persone destinata a strisciare come serpenti nel letame …..e saranno circondati dai loro uguali…le persone vere sono quelle come te che sanno camminare a testa alta e farsi onore della loro umile personalita’ !
Anna Perrone Purtroppo, nella vita si incontrano persone poco intelligenti e mal dicenti, che ci fanno soffrire, ma che ci rendono superiori a loro, perchè ci fanno capire la loro meschinità. Bravo per il dipinto, complimenti!
 Claudio Di Siero Complimenti Michele per il quadro,per la tenacia per la forza. Un grande in bocca al lupo
 Diana Parker Beautiful representation of your feelings! thank you!!! :))
 Francesco Nigri bravo Michele.. vai avanti.. chi vive in quel modo si racconta da solo.. e certo nn racconta l’autenticità che ti appartiene.. bellissimo dipinto..
 Francesco Giunta Grazie Michele. Il tuo tratto è forte e determinato, corrispettivo di una personalità che lascia sgni profondi e indelebili. Del resto non ti curare: è solo polvere al vento. Complimenti sinceri!
 Ute Margaret Saine Quest’opera e’ piena d’ombre, e’ quasi un po’ sepolcrale, e tu ne spieghi le ragioni nel tuo testo. Ma dipingendo, e dipingendo in modo convincente come tu lo fai, trionfi sulle persone invidiose. Avanti Michele!
 Mely T. Mccourt Salas ‎:)graciaaas mr. Sabatini ,un honor para mi! T admiro ..la vida t invade sobre todo a los q hemos tenido la suerte d conocer..grande enfermedad y renacer..bello y energizante.. tu arte kisss thanks keep on:)
 Marie Vi Britannia Genial! Me encanta su manera de expresarse! 🙂
 Pablo Bermudez una tormenta de vitalidad!!!
 Valentino Marra Art L’amore vince sempre… quest’opera parla da sola…complimenti
 Toty Donno Grazie di cuore, buona giornata Michele come sempre….bellissima opera….ciao
 Salvina Alba ‎”Non ti curar di loro, ma guarda e passa”, come diceva il padre Dante, dipingi, ama e vivi perchè, come dici bene, la vita vince sempre!!! bellissimo il quadro, vivace e ben calibrato nei colori…
 Rosanna Biscardi Ti auguro più leggerezza da ora in poi 🙂
 Luisa Seno Mi piace Michele ……… è un quadro che da sensazioni…… io sono una profana nell’Arte ma seguo il mio istinto……. perciò anche se il mio giudizio nn vale niente al cospetto del “popolino” per me questo quadro è bello !!!!!!!!!! Ciaoo un bacione

Annastella Berté

Sai la vita è un ripetersi continuo ,come i flussi ed riflussi storici.
Tu lo chiami mantra. Bene l’arte è elaborazione ,trasmissione di continui stati d’animo dell’artista,in questo caso è per te una rivisitazone della tua vita,un tornare …alle origini e superarle attraverso il messaggio pittorico.
A colui che ammira o guarda un tuo dipinto arriva ciò che poi sono ,i suoi vissuti e li traspone nella tua opera .
Ma questa è la vera missione dell’artista,suscitae emozioni.
Francamente non mi soffermerei,sul giudizio altrui.
Hai dimostrato pian piano attraverso le opere e i tuoi scritti,il tuo essere .
Io penso che un’artista è certamente umano….ma è al di sopra di tutto,perchè parla per sè la sua arte.
Ho trovato splendido quel tuo dipinto….che ti ho commentato l’altro giorno.
Io non scenderei se fossi in te, ad attacchi personali…..per farti conoscere ed apprezzare,ma continuerei a comportarmi come già stai facendo…..attraverso le tue opere ed il tuo pensiero.
Ci si può soffermare sulle cose dette e non andare oltre,ma ciò è solo caratteristica chi non è capace di libero arbitrio o di discernimento.
Infatti la comprensione dell’altro è data solo dalla sua conoscenza,come giustamente dici tu.
E questo ti assicuro può avvenire con tanta eleganza attraverso ,la tua opera e le tue parole.
Grazie da Anna Annastella Berté a Michele Sabatino.

 Paf PittriceLa tua arte è sentita! è bello ciò che riesci ad esternare sulla tela, liberando le tue angosce! Amico mio fregatene.. e continua il tuo cammino, tracciando una distanza da chi non sia riuscito a capirti!

Michele Sabatino
Copyright © 2011
TUTTI I DIRITTI RISERVATI

III Premio Internazionale d’Arte Estemporanea Europclub – Regione Sicilia Messina

“Vulcano2011” – (acrilico su tela 30×50)

                                                                                        Collezione privata

Questo è il quadro che nell’ambito del III Premio Internazionale d’Arte Estemporanea Europclub – Regione Sicilia Messina mi ha consentito di vincere il primo premio e che ho realizzato nell’isola di Vulcano nelle isole Eolie. La ragione che mi ha spinto a dipingere questa tela è stata la natura forte e formata da colori contrastanti formati dal ferro,dallo zolfo ed altri che convivono con gli altri elementi naturali quali la lava solidificata ed il mare. Ho abbinato a questa suggestione alcuni dei miei elementi che costituiscono parte del bagaglio del mio linguaggio e ho cercato fortemente una composizione unitaria. Amo molto questi luoghi e trovo che siano tra i più belli del Mediterraneo.

 Roberto Lo Presti Uomo dolcissimamente gigante y sereno ,lo sguardo intenso tocca i colori arricchendoli di gerogrifici e di curve sinusoidali forse alla ricerca delle terza derivata :punto di flesso. Incalcanti tinte tentano di avvicinarsi ma come rette sgembe non si toccheranno mai…,nada de nada eso es todo el pensamiento junto a … el endefinito orizzonte…
Michele Sabatino
Copyright © 2011
TUTTI I DIRITTI RISERVATI

“Prometeo” – (acrilico su tela 60×80)

                                                     Collezione privata

Prometeo è un tema mitologico appartenente alla classicità greca ed è il titolo di questo quadro che combina un tema personale con le vicende che appartengono al mito ellenico.

I Greci dicono che Prometeo  fosse figlio di Era, e che le sue cinque coppie di fratelli gemelli giurassero lealtà sul sangue di un toro sacrificato. All’inizio i fratelli erano molto virtuosi e saggi, ma un giorno si lasciarono vincere dall’avidità e dalla crudeltà; per punirli gli dei scatenarono un diluvio che distrusse il loro regno. Pandora, la prima del genere umano, alla quale gli dei del vento infusero lo spirito vitale e tutte le dee dell’Olimpo la dotarono di doni meravigliosi.

Si racconta che Zeus la inviò da Epimeteo affinché punisse la razza umana, alla quale Prometeo aveva dato il fuoco divino. Epimeteo, avvertito dal fratello di non accettare regali da Zeus, la rifiutò; cosicché Zeus, più indignato che mai per l’affronto subìto prima dall’uno poi dall’altro fratello, decise di punire ferocemente il Titano e tutti gli uomini che egli difendeva.

Il padre degli dei fece incatenare Prometeo, nudo, con lacci d’acciaio nella zona più alta e più esposta alle intemperie del Caucaso e gli venne conficcata una colonna nel corpo. Inviò poi un’aquila perché gli squarciasse il petto e gli dilaniasse il fegato, che gli ricresceva durante la notte, giurando di non staccare mai Prometeo dalla roccia. Come narrato nella tragedia perduta di Eschilo Prometeo liberato, dopo tremila anni, Eracle passò dalla regione del Caucaso, trafisse con una freccia l’aquila che lo tormentava e liberò Prometeo, spezzando le catene.

Mi piace il riferimento mitico e lo trovo molto simile alla storia del quadro dove c’è la storia di un uomo al limite del pericolo di chi vorrebbe tenerlo per le palle e lo vorrebbe tenere appeso,rompere la bandiera dei suoi ideali,farlo stare al limite sul filo spinato.

In questo clima incandescente dove ha come sua unica arma la sua dignità e la sua resistenza simboleggiata da un pugno chiuso,spartiacque di due mondi: di quello delle idee e dei valori che questa volta sono in basso dove c’è speranza luce e amore…

—————————————————————————————————–

Prometeo est un sujet mythologique en appartenant au classicità grec et c’est le titre de ce tableau qu’il combine un sujet personnel avec les événements qui appartiennent au mythe hellénique.

Les Grecs disent que Prometeo fût fils d’il Était, et que les siennes cinq couples de frères jumeaux jurassent loyauté sur le sang d’un taureau sacrifié. Au début les frères très étaient vertueux et essais, mais un jour ils se quittèrent gagner de l’avidité et de la cruauté;  pour les punir les dieux ils déchaînèrent un déluge qu’il détruisit leur royaume. Pandore, la premier du genre humain à qui les dieux du vent ils donnèrent l’esprit vital et toutes les déesses de l’Olympe ils la douèrent de cadeaux merveilleux.

On raconte que Zeus l’envoya d’Epimeteo pour qu’il punît la race humaine à qui avait donné le feu divin. Epimeteo, averti par le frère de ne pas accepter cadeaux de Zeus, il la refusa;

Zeus, plus indigné que jamais pour l’affront subìto premier de l’un puis de l’autre frère, décidées de punir le Titan et tous les hommes férocement qui défendait.

Le père des dieux il fit enchaîner Prometeo, nu, avec des lacets d’acier dans la zone la plus haute et plus exposée aux intempéries du Caucase et elle lui fut enfoncée une colonne dans le corps. Puis il envoya un aigle parce qu’il lui déchirât la poitrine et il lui déchiquetât le foie qui lui repoussait pendant la nuit, en jurant de ne pas détacher jamais Prometeo de la roche. Comme raconté dans la tragédie perdue d’Échille Prometeo libéré, après trois mille ans, Eracle passa de la région du Caucase, il transperça avec une flèche l’aigle qui le tourmentait et Prometeo libéra, en brisant les liens.

Mi plaît la référence mythique et je le trouve beaucoup de semblable à l’histoire du tableau où il y a l’histoire d’un homme à la limite du danger de qui il voudrait le tenir pour les balles et il le voudrait appeso,rompere tendres le drapeau de ses ideali,farlo rester à la limite sur le fil barbelé.

Dans ce climat incandescent où il a comme sa seule arme sa dignité et sa résistance matérialisées par un poing chiuso,spartiacque de deux mondes:  de ce des idées et des valeurs qui cette fois est en bas où il y a espoir lumière et amour…..

——————————————————————————————————————-

Prometeo is a belonging mythological theme to the Greek classicità and is the title of this picture that combines a personal theme with the stories that belong to the Hellenic myth.

The Greek say that Prometeo was child of it was, and that its five couples of twin brothers swore loyalty on the blood of a sacrificed bull. To the beginning his brothers were very virtuous and wise, but one day they allowed to win from the avarice and from the cruelty; to punish them the gods they instigated a downpour that destroyed their kingdom. Pandora, her before the human kind, to which the gods of the wind they infused the vital spirit and all the goddesses of the Olimpo they equipped it with marvelous gifts.

You tells that Zeus sent it from Epimeteo so that it punished the human race, which Prometeo had set on fire. Epimeteo, warned by the brother not to accept gifts from Zeus, it refused it;  so that Zeus, more indignant than never for the affront first subìto from the one then from the other brother, definite to fiercely punish the Titano and all the men that he defended.

The father of the gods it made to chain Prometeo, naked, with steel drawstrings in the tallest zone and more exposed to the bad weather of the Caucaso and he was hammered him a column in the body. It sent then an eagle because it tore his breast and it tore to pieces him the liver, that increased him during the night, swearing to never detach Prometeo from the rock. As narrated in the lost tragedy of freed Eschilo Prometeo, after three thousand years, Eracle passed from the region of the Caucaso, it pierced through with an arrow the eagle that tormented him/it and Prometeo freed, breaking the chains.

I like the mythical reference and I find it very similar to the history of the picture where the history of a man there is to the limit of the danger of whom would want to hold it for the balls and he/she would want to hold it suspended, to break the flag of its ideal to make it be to the limit on the boned thread.

In this incandescent climate where it has as his only weapon his dignity and his resistance symbolized by a closed fist watershed of two worlds: of that of the ideas and of the values in that this time is low where hope there is light and love…..

—————————————————————————————————————————

Prometeo es un tema mitológico miembro al classicità griego y es el título de este cuadro que combina un tema personal con los hechos que pertenecen al mito helénico.

Los griegos dicen que Prometeo fuera hijo de Fue, y que las suyas cinco parejas de hermanos gemelos juraran lealtad sobre la sangre de un toro sacrificado. Al principio los hermanos fueron muy virtuosos y sabios, pero un día se dejaron vencer de la avidez y de la crueldad;  para castigarlos los dioses azuzaron un diluvio que destruyó su reino. Pandora, ella antes del género humano, al que los dioses del viento infundieron el espíritu vital y todas las diosas del olimpo la dotaron con regalos maravillosos.

Se cuenta que Zeus la mandó de Epimeteo para que castigara la raza humana, al que Prometeo pegó el fuego divino. Epimeteo, advertido por el hermano de no aceptar regalos de Zeus, la rechazó;  ché Zeus, más indignado que nunca por la afrenta subìto primero del uno luego del otro hermano, decididas de castigar ferozmente al Titán y todos los hombres que él defendió.

El padre de los dioses hizo encadenar Prometeo, desnudo, con lazos de acero en la zona más alta y más expuesta a las intemperies de Cáucaso y le fue clavada una columna en el cuerpo. Mandó luego un águila porque le desgarrara el pecho y le destrozara el hígado, que le aumentó durante la noche, jurando de no despegar nunca Prometeo de la roca. Como contado en la tragedia perdida de Esquilo Prometeo liberado, después de tres mil años, Eracle pasó de la región de Cáucaso, traspasó con una flecha al águila que lo atormentó y Prometeo liberó, partiendo las cadenas.

Mi gusta la referencia mítica y lo encuentro muy parecida a la historia del cuadro donde hay la historia de un hombre al límite del peligro de quien querría tenerlo por las pelotas y lo querría tiernos appeso,rompere la bandera de sus ideali,farlo estar al límite sobre el alambre de púa.

En este clima incandescente dónde tiene su única arma como su dignidad y su resistencia simbolizadas por un puño chiuso,spartiacque de dos mundos:  de aquel de las ideas y de los valores en que esta vez es bajo dónde hay esperanza luz y amor.

…………………………………………………………………………………………………………

Commenti degli internauti su questo quadro raccolti da Fb:

Laura Mastroianni Bellissimo…Michele……

Harem Suare grazie Michele e complimenti…bel quadro…:)) tema profondo alleggerito da un mix di colori vivaci….

Antonella Vinci Che bella favola!I colori sono intensi e brillanti questa mi sembra la tua pittura che piu’ volge al positivo.Bello

Giuseppe Acone questo parmi uno dei migliori!!

Silla Campanini BRAVO MICHELE! BELLISSIMO CONTENUTO E OPERA- UN ABBRACCIO
Silla

Marina Rosanero esauriente e completa la tua spiegazione…Bell’idea! Prometeo ipotizzò la sconfitta dei Titani…! bellissimo Grazie

Patrizia Falconetti Grazie Michele :)) bellissimi colori

Nunzia Zambardi Michele…..mi sembra diverso dagli altri….l’artista è in continua evoluzione…molti elementi su cui riflettere…i colori son belli,illuminati dal sole,complimenti!!!!

Silvana Passanante Onorata come sempre di poter condividere e apprezzare le tue meravigliose creazioni!grazie♥

Liliana Guarino la dignità, i valori, le idee…sono sempre, ancora oggi, attuali. Il pugno chiuso sembra proteggere il cuore illuminato…Bello Michele, mi piace molto!

 Brecciaroli Mario questo quadro dà forza ! ;.)

Patrizia Falconetticoncordo con Mario, x la forza dell’dea, delle immagini e dei colori :))

Marina RosaneroGoethe sosteneva che Prometeo è il creatore superbo,sicuro di sè, un divino che disprezza gli Dei L’anima di Prometeo è Minerva che infonde la vita alle sue figure di argilla …qualsiasi creazione è misteriosa …nel tuo dipinto sembra di leggere il tutto! grazie Mik
Liliana RussoGrazie Michele,in ogni tela trasmetti molto e questa…e’ vero Mario,ti da’ carica,ti fa’ capire che l’amore sta alla base di tutto e dobbiamo proteggerlo con tutte le nostre forze!!! :-))
Nunzia Zambardil’energia d’amore che esce dal tuo quadro abbraccia tutti……
 Anna PerroneBravo Michele, non ti arrendere mai! Complimenti per il quadro
Teresa Loguerciosei una forza di pensiero e di espressione….grande Michele… :0)) complimenti!!
Brecciaroli Mario ciao Michele ! i tuoi saluti a colori vivaci sono tra i miei preferiti .. perchè trasportano te… li “sento” … l’energia.. arriva … eccome! ;:)
Michele Sabatino
Copyright © 2011
TUTTI I DIRITTI RISERVATI

“Subito!” (acrilico su tela 60×80)

“Sùbito!”es la necesidad que nos tenemos de solucionar los problemas para sentirnos pues una vez más jóvenes en la vida y poder perseguir nuestros sueños e inventar echa el ancla otros nuevos. “Sùbito!”quiere significar la falta de claridad de parte ajena y la gana de salir fuera de las casetas en las que nos hemos metido sustancialmente con nuestras manos.”Sùbito!quiere decir liberarse de las cadenas que nos tienen echados el ancla como a las partes vitales el corazón y el cerebro clavados por los carcoma y tener un sentido espiritual respecto a la vida…

Todo esto lo queremos “Sùbito!”

————————————————————————————————————————————————————

“Sùbito!” est le besoin qui nous avons de résoudre les problèmes pour nous entendre donc encore une fois jeunes dans la vie et pouvoir poursuivre nos rêves et inventer en des nouveaux autres s’agrippe. “Sùbito!” veut signifier le manque de clarté de d’autrui part et l’envie de sortir des pavillons en lesquels nous sommes substantiellement mis avec nos mains dehors.”Sùbito!” veut dire se libérer des chaînes qu’ils nous tiennent ancré aux parties vitales comme le coeur et le cerveau cloués par les vers et avoir un sens spirituel vis-à-vis de la vie…

Tout ceci nous le voulons “Sùbito!”

———————————————————————————————————————————————————-

“Sùbito!” is therefore the need that we have us to resolve the problems to feel us young people once more in the life and power to run after our dreams and to invent anchors some others new. “Sùbito!”he wants to mean the lack of clarity on other people’s behalf and the desire to go out out of the country houses in which there have substantially put with our hands.”Sùbito!”he means to free him from the chains that they hold anchors us to the vital parts as the heart and the brain nailed by the worms and possession a spiritual sense towards the life…

Everything this want it “Sùbito!”

————————————————————————————————————————————————————-

“Sùbito!” è il bisogno che abbiamo noi di risolvere i problemi per sentirci giovani ancora una volta nella vita e potere dunque rincorrere i nostri sogni ed inventarsene ancora degli altri nuovi. “Sùbito!” vuole significare la mancanza di chiarezza da parte altrui e la voglia di uscire fuori dai casini nei quali ci siamo messi sostanzialmente con le nostre mani.“Sùbito!” vuole dire affrancarsi dalle catene che ci tengono ancorati alle parti vitali come il cuore e il cervello inchiodato dai tarli e avere un senso spirituale nei confronti della vita…

Tutto questo lo vogliamo “Sùbito!”

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

Commenti degli internauti su questo quadro raccolti da Fb:

Antonella Vinci catene e croce da portare sulle spalle angoscia e desiderio di libertà ma i colori sono arditi complimenti all’artista!

Lorenzo Mucciga Grazie caro Michele , una bellissima opera, oggi bisogna vivere sempre in allerta e farci trovare subito pronti l’amore in Gesù vegli su di noi Egli è il nostro conforto ed il nostro sostegno.

Beatriz Iglesias Bravo, rompamos las cadenas, gracias

Liliana Guarino solo noi abbiamo la chiave dei lucchetti…apriamoci alla vita e ai sogni!
Grazie Michè!

Silla Campanini IL RISVEGLIO DELL’ANIMA! subito ! GRAZIE A TE MICHELE-

Nunzia Zambardi non rimandiamo mai a domani ciò che possiamo fare oggi….
nel tuo quadro ….un mondo di costrizioni che limitano la nostra libertà..
il colore rosa centrale è una finestra aperta sulla vita…..

Marina Rosanero giusto !!!un carpe diem rinforzato dalla voglia di libertà ! il dipinto è sintomatico ,c’è tutta la prigionia possibile raffigurata (simbolica e non)…Sei bravo Michele, molto bravo direi! Grazie

Michele Sabatino
Copyright © 2010
TUTTI I DIRITTI RISERVATI